Design per ipovedenti : Architecture for the Blind

La nostra società oggi si fonda sulle immagini, tutto è visual, ogni prodotto sia esso di consumo o un oggetto di design della casa non deve essere solo funzionale ma appagare i nostri occhi. Mi sono allora domandata come sarebbe l’ambiente che mi circonda se non potessi vederlo, se fossi ipovedente ed ho fatto alcune ricerche.

Mi sono imbattuta in Christopher Meyer, fondatore della Tactio Access, un venticinquenne che ha passato i primi sette anni della sua vita in Canada e Germania, i cui ricordi d’ infanzia parlano del pane delle panetterie francesi, delle conversazioni con i turchi e del gelato italiano. I suoi genitori si stabilirono nell’Indiana semi-rurale quando lui non era nemmeno adolescente ma era già cieco e da quel momento non ha mai smesso di usare la sua esperienza di viaggio per educare gli altri sull’accessibilità di ogni luogo.

maxresdefault

L’azienda Tactio Access, che ha fondato a 24anni, fornisce informazioni sull’accessibilità e sulla progettazione universale, spesso lavorando con i settori del trasporto e dell’ospitalità.
Meyer descrive la sua cecità come qualcosa a cui si è ormai “abbastanza ben adattato”. Può identificare forme e differenziare tra luce e buio, sebbene il suo senso di profondità e il riconoscimento dei colori siano limitati.

“Ci sono alcuni ostacoli, ma è parte di ciò che sono”, dice. “Se non fossi nato legalmente cieco, non penso che sarei stato così interessato all’accessibilità generale”.

Nel 2017, Meyer ha avviato la sua azienda – i cui clienti includono IndyGo e l’Indianapolis Airport Authority – grazie alla quale offre approfondimenti su accessibilità e design universale. Tactio Access rende anche mappe tattili, che aiutano le persone con disabilità visive a comprendere la disposizione spaziale di un edificio. L’obiettivo di Meyer? Perfezionare il metodo, quindi vendere l’idea ad altri settori.

“Sono appassionato di persone che hanno una buona esperienza con il mondo fisico”, dice Meyer. “Crescendo, sono stato esposto a molti luoghi e molte città costruite per tutti. Volevo che altri individui ciechi avessero questa opportunità. “

Mentre nessuna città è il modello perfetto di design universale, Meyer ritiene che le comunità stiano facendo passi avanti per accogliere le persone con disabilità. In Germania, le persone “che sono significativamente alterate nella loro libertà di movimento su strada” possono utilizzare gratuitamente i mezzi pubblici. (La Germania è anche la sede del Seehotel Rheinsberg, un hotel di lusso costruito appositamente per persone disabili. È il più grande hotel senza barriere del paese, e le sue camere, aree ricreative e reception sono progettate per gli utenti su sedia a rotelle.)

 

anthony-ciancio-632089-unsplash-e1528148350989

La pavimentazione tattile è un altro modo per aiutare le persone ipovedenti. Questi blocchi di pavimentazione strutturati sono originari del Giappone e forniscono informazioni sotto i piedi ai passaggi pedonali e ad altre aree di trasporto critiche (ad esempio piattaforme ferroviarie). Le persone normalmente avvistate possono descrivere i blocchi come “irregolari”, ma per quelli con problemi di vista, questi segnali tattili dicono: “Ti stai avvicinando a un taglio di marciapiede”, “C’è una scala davanti” e “Aspetta qui il treno”. I blocchi di pavimentazione tattili vengono spesso in colori ad alto contrasto e possono anche indicare la direzione del viaggio.

“Ti dicono come camminare e dove camminare”, dice Meyer. “Non penso che sia la soluzione, ma è un modo per aiutare a contestualizzare uno spazio.”

thumbs_1-Reading-plans-through-touch.jpg.770x0_q95_crop-smart_upscale

Meyer nota che molti spazi pubblici, inclusi i musei, stanno esplorando la tecnologia Bluetooth. A Melbourne, in Australia, un programma pilota sta trasformando il modo in cui le persone navigano nella Southern Cross Railway Station. Attraverso Bluetooth e BlindSquare – un’app GPS gratuita – gli utenti ricevono segnali audio tramite i loro smartphone. Il sistema di navigazione fornisce indicazioni stradali, informazioni in tempo reale e consigli come “Avvicinamento a quattro porte”. Le porte a sinistra sono automatizzate. “Meyer sostiene che queste tecnologie aiutano le persone a capire dove si trovano all’interno di uno spazio e ad aiutarle a viaggiare con sicurezza.

“Immagina di camminare in un edificio e di avere vari modi – tramite tattile o tramite smartphone – che comunicano la disposizione speciale di quell’edificio”, dice Meyer. “Questa è la mia passione.”

Spiega che le notifiche push potrebbero descrivere anche l’architettura unica dell’edificio. “Per un cieco entrare nella cattedrale del rito scozzese e non avere la minima idea dell’architettura? Economicamente, non è un grosso problema. Ma culturalmente, [il rito scozzese] sta perdendo l’opportunità di condividere qualcosa che è davvero prezioso. ”

Ecco perché Tactio Access collabora con le organizzazioni dell’Indiana centrale per sviluppare esperienze tattili.

“Si tratta di avere rispetto per le persone, di credere nell’autonomia per l’utente finale”.

architect.mdrum_
Chris Downey – Architetto

Meyer non è l’unico a creare esperienze tattili. L’architetto Chris Downey sostiene anche il wayfinding e altri strumenti critici per i non vedenti. Quando Downey ha improvvisamente perso la vista nel 2008, un assistente sociale gli ha parlato di “alternative di carriera”. Ma Downey ha deciso di non lasciare la professione, e invece ha fondato Architecture for the Blind. Oggi attinge alla sua esperienza di architetto e aiuta a creare ambienti che arricchiscono le persone con disabilità visive.

“La grande architettura per non vedenti e ipovedenti è come qualsiasi altra grande architettura, solo meglio”, dice Downey. “Sembra e funziona allo stesso modo offrendo un coinvolgimento più ricco e migliore di tutti i sensi.”

Tactile-map-BART-system

I progetti di Downey includono la clinica del Centro oculistico della Duke University, l’Independent Living Resource Center di San Francisco e il Blind Rehabilitation Center per il Department of Veterans Affairs. Ha anche lavorato come consulente per il Salesforce Transit Center di San Francisco, una stazione di transito multimodale che comprende un parco sul tetto di 5,4 ettari e una “colonna luminosa” alta più di un metro e mezzo nella Grand Hall. Come tutti i progetti di Downey, il centro di transito integra il wayfinding attraverso un’attenta considerazione di tattilità, tatto, odore, suono, temperatura e tecnologia.

Blind-man-with-stick-e1528147158595

La capacità di utilizzare i mezzi pubblici – e usarla con sicurezza – è una parte importante del design universale. Per rimuovere la paura associata alla navigazione nelle strade trafficate della città, alcune organizzazioni stanno lavorando a progetti che consentono ai non vedenti di pianificare in anticipo. A San Francisco, il dottor Joshua Miele, uno scienziato dello Smith-Kettlewell Eye Research Institute, ha collaborato con LightHouse, un’organizzazione per non vedenti per la quale Downey è membro del consiglio di amministrazione. Insieme, hanno creato mappe accessibili di ogni stazione di transito BART. Le mappe, che sono tattili, presentano una stampa di grandi dimensioni e contengono un componente audio, consentono alle persone di pianificare un percorso di viaggio.

Meyer vorrebbe implementare un sistema simile a Indianapolis, per integrare il Julia M. Carson Transit Center. (Suggerisce di aggiungere una sovrapposizione tattile vicino a ciascuno degli ingressi.) Meyer supporta anche l’integrazione di informazioni aggiuntive su strisce pedonali e fermate degli autobus.

Mentre questi tipi di elementi di design non sono ancora onnipresenti, sono essenziali per il design universale. Per aiutare architetti e designer, Meyer offre questo consiglio: “Prendete la mobilità a due gambe, pensate a modi in cui puoi incorporare questo [tipo di pensiero] in ciò che già fai. Chiediti: ‘Come possiamo rendere questa strada o edificio utilizzabile? Non solo una strada o un edificio conforme, ma accessibile? ”

In Italia questo tipo di architetture e di progettazione purtroppo è ancora poco presente e continuano ad esserci molte barriere nelle nostre città. La mia speranza è che arrivino presto anche qui per migliorare la qualità della vita di tutti quanti.


 

Annunci

Autore: Magdajasmine

Architetto d'interni & Real estate agent Mi occupo di consulenza immobiliare, ristrutturazioni e architettura d'interni.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...